Schedulazione Dinamica

Nel post precedente Come utilizzare al meglio Project (prima parte), ho introdotto il concetto di Schedulazione Dinamica e visto i diversi tipi di attività. In questo post parlerò della Schedulazione Dinamica e della sua importanza per lavorare bene con Project. Per chi si appassionasse a questa problematica consiglio vivamente di acquistare il libro Dynamic Scheduling with Microsoft Project 2007 di Rodolfo Ambriz.

Pianificazione Dinamica con Microsoft Project

E’ un magnifico testo su Project non solo per la Schedulazione Dinamica ma per tutti i principali argomenti del prodotto. Per gli utenti non esperti di Project faccio un semplice esempio per capire di cosa sto parlando. Quando si inserisce un’attività, viene naturale posizionarci nel campo Inizio ed inserire una data di inizio dell’attività o nel campo Fine inserire la data in cui deve terminare l’attività. Non è vero? Quante volte all’inizio del lavoro con Project lo abbiamo fatto? Bene, quello che accade quando si opera in questo modo è che: 1. viene visualizzata una finestra che ci dice che c’è un problema sul collegamento con l’attività successiva e che se scegliamo la seconda opzione verrà inserito un vincolo Iniziare non prima del

Pianificazione Dinamica con Microsoft Project

2. nella prima colonna a sinistra del Nome attività (colonna notifiche) viene visualizzata un’icona. Se posizioniamo e teniamo fermo il puntatore del mouse sull’icona viene visualizzata una casella con il testo come nella figura seguente

Conflitto di pianificazione con Microsoft Project

. operando in questo modo abbiamo inserito un vincolo definito semi-flessibile che Project deve tenere in conto quando applica i suoi algoritmi di schedulazione. Con questo vincolo, nel momento in cui un’attività precedente dura meno di quanto pianificato inizialmente, non dà la possibilità a Project di anticipare l’inizio dell’attività Analisi tecnica. Situazione peggiore per Project e per noi, è quella di inserire altri vincoli nel piano di progetto, magari di tipo rigido come Deve iniziare il o Deve finire il. Con questo tipo di vincolo Project ha veramente le mani legate e potrà aiutarci sempre di meno, anzi, a lungo andare, con numerosi vincoli nel piano, comincerà a segnalarci conflitti di schedulazione e ad aggiungere addirittura altri vincoli. In questo post abbiamo visto cosa vuol dire definire vincoli, l’esatto contrario della schedulazione dinamica. In un prossimo post vedremo invece come sfruttare tale tecnica e rendere il piano di progetto più flessibile e facile da mantenere.